Pasqualino Monti visita il porto di Termini Imerese: «Non sarà lo scarto dei mezzi pesanti di Palermo»

TERMINNI IMERESE – Il presidente dell’Autorità Portuale di Palermo in visita a Termini Imerese. Pasqualino Monti è stato accolto nella sede storica del comune di Termini Imerese dove si è tenuta una riunione con la giunta comunale, il presidente del consiglio ed alcuni consiglieri comunali.

Gli amministratori si sono fatti portavoce delle istanze dei cittadini, degli operatori del settore, dei pescatori, dei portuali. Monti è stato accompagnato prima al Belvedere dal quale ha potuto vedere lo splendido panorama che guarda l’area portuale, ha poi effettuato un soprallugo, incontrato il comandante della Capitaneria di porto Dario Di Perna, i rappresentanti dei pescatori e degli imprenditori, infine si è tenuta una conferenza stampa allo Yaching Club sul molo di Termini Imerese.

«Ringrazio il neo presidente Monti per la sua visita, l’ingegnere Acquista per l’attenzione dimostrata sulle problematiche legate al porto di Termini Imerese. Fin dal primo incontro ho percepito una assoluta disponibilità da parte del presidente dell’Autorità Portuale – ha affermato il sindaco nel corso della conferenza stampa -. Ringrazio la giunta comunale, il presidente del Consiglio Anna Amoroso, i consiglieri comunali presenti Anna Chiara, Giuseppe Di Blasi, Piero D’Amico, Salvatore Di Lisi, Maria Terranova, per la presenza e partecipazione.

Stiamo tentando di risolvere il problema legato alla potabilità dell’acqua per i pescatori, una prima soluzione è stata individuata, infatti i lavori sono in corso e nella giornata odierna saranno definiti – ha aggiunto il primo cittadino -. Monti ha gestito il porto di Civitavecchia e in pochi anni è divenuto il quarto porto mondiale per traffico passeggeri e turistico. Ci auguriamo, che con la sua esperienza e con la nostra partecipazione attiva ai tavoli di programmazione possa avvenire il rilancio del nostro porto – ha concluso Giunta -. Vogliamo avere un ruolo determinante all’interno dell’Autorità Portuale di Sistema, partecipare ai tavoli nei quali verranno prese le decisioni sugli investimenti da fare e sulle decisioni sul traffico mercantile, commerciale e crocieristico».

«Ringrazio Monti a nome di tutta la giunta – ha aggiunto il vice sindaco Licia Fullone, presente alla conferenza stampa con l’assessore Rosa Lo Bianco – si è percepita l’apertura e la voglia di lavorare e di realizzare anche importanti traguardi. Noi siamo a disposizione dell’Autorità Portuale di Sistema per confrontarci e programmare insieme nuovi percorsi atti al rilancio del nostro porto».

«Tutto il consiglio comunale vuole il bene della città – ha affermato il presidente del Consiglio Comunale, Anna Amoroso -. Abbiamo bisogno di azioni concrete che si possono realizzare e non soltanto di parole. E’ vero che ci sono fondi europei che possiamo sfruttare ma queste risorse devono avere una continuità, che ciò possa fare da moltiplicatore per tanto altro. Dal colloquio di oggi nella sede storica è emerso che le parole chiave sono due: sistema e sinergia. Da parte nostra, sia del consiglio comunale sia dell’amministrazione, dei cittadini che noi rappresentiamo perché siamo noi i portavoce degli interessi della comunità dal pescatore al negoziante con la bottega, siamo fiduciosi nel poter raggiungiure importanti traguardi per il porto imerese».

«Ringrazio il sindaco Francesco Giunta per l’accoglienza calorosa, che rappresenta una città ove insiste uno degli scali più importanti del nostra Autorità di Sistema Portuale con Palermo, Porto Empedocle e Trapani – ha affermato il presidente dell’Autorità Portuale, Pasqualino Monti -. Ho preso un unico grande impegno, di non fermarci alle conferenze stampa che sono utili per confrontarci, ma sono abituato a fare le cose, a far lavorare la squadra, a portare risultati concreti. Abbiamo davanti la sfida della programmazione, vale a dire la presentazione del piano operativo triennale che non deve essere un libro dei sogni – ha aggiunto Monti –.

Il confronto deve esistere perché c’è rispetto di chi rappresenta le istanze dei cittadini e degli operatori portuali che rappresenta la grande famiglia che l’autorità portuale deve rispettare.

Lavoreremo con il sindaco Giunta al piano triennale, il traffico dobbiamo conquistarlo.

Mi sono reso conto che di problemi ce ne sono tanti, di aspettative ce ne sono tante così come c’è tanto lavoro da fare ma noi non ci tireremo indietro. Non abbiamo la bacchetta magica, ma con la vostra collaborazione e il lavoro di tutti ce la potremo fare. Accolgo con interesse la forte presa di posizione del sindaco affinchè Termini Imerese non divenga lo scarto dei mezzi pesanti di Palermo – ha concluso Monti –. Pari dignità per tutti gli scali: ogni scalo ha la propria vocazione, non amo sposare un’unica vocazione, ma ognuno deve contenere un mix di vocazioni.

Lavoremo per compredere le potenzialità di questo porto, con l’augurio di poterlo far diventare scalo turistico oltre che commerciale».

 

fonte: madonianotizie.it

Potrebbero interessarti anche...